Le Dimore del Tempo




I segni fatti a matita indicano che nel ′90 Nicola era più alto di Giorgio di ben 3 cm. La loro era una sfida; la resa dei conti ogni estate, durante le vacanze, a Torre del Pozzo…il muro bianco dello stipite della porta di cucina era il campo di gara, dove si segnava il risultato di anno in anno.  
Sono le ′′Le dimore del tempo′′ ...e di storie e trascorsi felici.  Momenti vissuti nella magia dell’estate, da ragazzi quando per stare al sole e per il bagno si dovevano aspettare le quattro del pomeriggio. Certo è difficile resistere tutto quel tempo, mentre dalla finestra della sala si scorge il mare proprio sotto casa. ‘’Le voci degli amici oggi sono in anticipo e forse se corro giù 10 minuti prima non se ne accorge nessuno’’, allora di corsa per la scalinata oltre il cortile che da casa arriva al mare, in una piccola baia… ′′di quelle che tolgono il fiato; una domenica, come quelle in cui zia Licia veniva a trovarci e si fermava per pranzo…′′



Vai alla pagina fb