Sup




Lo stand up paddling (SUP) rappresenta una nuova dimensione per vivere il mare a 360° tra sport, fitness, divertimento e relax. Si pratica con una tavola e una pagaia, in equilibrio sulla superficie dell′acqua. 

Oltre alla normale navigazione (cruising), ideale per gli amanti delle tranquille esplorazioni via mare, il divertimento maggiore è sicuramente tra le onde (waves). Bastano frangenti da 30 cm per planare sull′acqua. Le tavole da SUP sono infatti vere e proprie tavole da surf, dotate di pinnette in poppa e quindi sensibilissime alle onde.
La scelta degli itinerari nel nostro territorio è ampia, da Putzu Idu a Mari Ermi, lungo la silenziosa falesia di Su Tingiosu il turchese del fondale cattura lo sguardo; o da Mandriola a Sa Mesa Longa tra scogliere, piccole baie, e un ambiente sommerso che esprime la biodiversità di questi mari.
In ogni modo la pratica del sup è un ottimo allenamento in quanto tonifica e potenzia tutti i muscoli del corpo. 
Per gli amanti dello yoga... YOGA-SUP! Ovvero un approccio allo Yoga sulla tavola da SUP al mare. Questa unione geniale tra l’equilibrio sulla tavola e le posizione dello Yoga, contribuisce a migliorare la postura e la percezione consapevole di tutto il corpo.
La stabilità delle tavole garantisce, anche ai meno confidenti, ottimi risultati da subito, con tutte le percezioni positive che può dare il contatto con l’elemento da cui è nata la vita, il Mare.
Il TOP è gustarsi un tramonto dall′acqua, sotto la torre di Capo Mannu, mentre la superficie del mare si colora e i profumi di elicriso e della salsedine inebriano i sensi.


                                                                                                              
                                                                                                                            .. il SUP è percepire le emozioni come energie in movimento
                                                                                                                                                               (Francesca Fenu)